Il vero viaggiatore sa che il viaggio è importante quanto la meta. Anzi spesso di più, perché esso è movimento, trasformazione, conoscenza. Tuttavia egli, raggiunta la meta, sa come goderla; la vive, e poi, quando vuole, riparte verso un'altra destinazione.

domenica 29 settembre 2013

17/07/2013 – IN BICI SULL'ALTOPIANO DI ASIAGO


(anello di 86 km e 1300 metri di dislivello in mountain bike)

Una vacanza tra le province di Vicenza, Treviso, Belluno e Trento in bici e camper
(4° giorno)

All’altopiano dei Sette Comuni, forse più conosciuto con il nome di Altopiano di Asiago, vi si può accedere da diverse vie. Una di queste parte dalla piazza di Valstagna e giunge al comune di Foza, che si trova a 1.083 metri di quota.  E’ una bella strada a tornanti, che ci porta subito in alto, tra il verde e le montagne, nel silenzio assoluto. Come sempre, in questi casi, spengo il lettore MP3. Il silenzio, quando c’è, va ascoltato. 
Questi luoghi selvaggi, quasi dimenticati da Dio, sono una manna dal cielo per me. Quando decisi di venire a curiosare in queste zone, non immaginavo di trovare una natura così intatta. E' stata una piacevole scoperta.

In questo periodo, poi, i fiori a bordo strada sono cascate di colori che mettono allegria e il canto degli uccellini, che ci accompagna lungo il cammino, contribuisce a creare un’atmosfera serena, rilassante, che ci fa sentire in armonia con il mondo intero. Un toccasana per chi vuole liberarsi dallo stress.
Oggi ho optato per la mountain bike. Dovremmo percorrere strade asfaltate, ma non si sa mai. Magari riusciamo a fare anche un po’ di sterrato. Intanto questa salita di 14,4 km e 939 metri di dislivello, pur non essendo particolarmente impegnativa, ha una buona pendenza e non molla proprio mai.
A Foza continuiamo per Asiago. La strada corre in falsopiano per 14 km; la prima parte in leggera discesa, la seconda in lieve salita. 
All’Ufficio Turistico chiediamo delle mappe per escursioni in mountain bike. Ci dicono che non tutti i sentieri sono segnati. E allora chi si fida? Per percorrere 10 km rischiamo di farne 30. Asiago è un comune grosso e trafficato. Non è il caso di perdere troppo tempo qui. Ritorniamo, pertanto a Foza, passando davanti al sacrario. Marco vorrebbe rientrare dalla medesima strada percorsa all’andata. 
Gli propongo di fare un percorso ad anello, visto che è presto, così possiamo vedere un’altra parte dell’altopiano. Accetta, poco convinto. Della serie: fidarsi è bene … Chissà perché, poi? Alla fine non ci siamo mai trovati nei guai a causa mia, mi pare … o no? Perciò proseguiamo verso Enego, su dolci saliscendi, per 15 km. 
Paesaggi superbi anche qui. Pinete, prati, piccoli borghi e un lungo viadotto, là dove la montagna sembra spaccarsi in due. Da Enego, una discesa di una dozzina di chilometri e 19 tornanti, ci fa perdere oltre 500 metri di dislivello, depositandoci, così, nei pressi di Primolano, frazione di Cismon del Grappa. 
Poco dopo il ponte sul Brenta, ci infiliamo nella pista ciclabile della Valsugana, lunga ben 80 km e che collega Caldonazzo a Bassano del Grappa, dirigendoci verso sud. La stradina, asfaltata, si snoda per alcuni chilometri all’interno di una stretta gola. 
Alla nostra sinistra, il corso d’acqua, che qui non ha ancora le dimensioni che assumerà più a valle. Tra il fiume e la montagna, invece, corre la statale 47, strada infelicemente battuta da camion e TIR. Cerco di ignorarla e mi concentro su tutto il resto del paesaggio, che è splendido. Pedaliamo sempre in leggera discesa. Man mano che scendiamo, la valle si allarga e così pure gli argini del fiume. Ed eccoci, dopo 15 km, di nuovo a Valstagna, “paese delle zattere”, sani e salvi … c’era da dubitarne?





Nessun commento:

Posta un commento